Chakra del Plesso Solare | Emanuela Giulietti
Storie di Angeli: Un tiepido abbraccio…
19 ottobre 2017
Cambia la tua vita con l’aiuto degli Angeli
21 dicembre 2017

Chakra del Plesso Solare: il nostro centro di energia

Raffigurato da un fiore di loto con dieci petali gialli il terzo chakra, o chakra del plesso solare, è associato alla fiducia in noi stessi e al nostro ego: è il centro della volontà e della realizzazione, in altre parole del nostro potere personale. Il suo nome in sanscrito –Manipura- significa, infatti, “la città del gioiello splendente”, in riferimento alla nostra personalità che, metaforicamente, dovrebbe risplendere di luce solare. L’energia emanata dal chakra del plesso solare, infatti, illumina la nostra personalità come un raggio di sole infondendo fiducia in noi stessi per percorrere la strada dell’autorealizzazione.

Anatomia del plesso solare

Dove si trova il chakra del plesso solare? Come suggerisce il nome, questo chakra si trova nella zona del nostro plesso solare, tra l’ombelico e lo sterno e appena sotto il diaframma. Qui si trova il più grande centro nervoso autonomo nella cavità addominale, il plesso solare appunto, che governa i riflessi di alcune delle funzioni addominali più importanti. Il termine plesso, infatti, che deriva dal latino e indica un “intreccio”, unito all’aggettivo solare, ci evoca subito l’importanza e il ruolo di questo punto per il nostro Essere: esso rappresenta il nostro centro di energia, il calore che, irradiandosi nel nostro corpo, dona forza e vitalità (i cinesi lo chiamano anche “triplice riscaldatore”). E’ il nostro sole, il luogo in cui la nostra personalità, attraverso l’autorealizzazione, può risplendere di luce luminosa: è “la città del gioiello splendente” appunto.

Il chakra del plesso solare, quindi, influisce sui nostri stati emotivi che dipendono dalla quantità di luce che risplende dentro di noi. Non è un caso che le nostre emozioni più forti, siano esse di gioia o di delusione, vengano avvertite proprio qui, come siamo soliti dire “nello stomaco”: l’incredibile intreccio di ricettori nervosi del plesso solare è, infatti, in grado di cogliere ogni nostra emozione e sentimento. Le situazioni esterne che generano ansia, stress e paura spesso si ripercuotono proprio su questa zona dando origine a disturbi gastrointestinali (gastrite, colon irritabile, stipsi) ma anche emotivi. Il chakra del plesso solare è, infatti, come abbiamo detto, la sede della nostra personalità, del nostro ego e, quindi, della percezione che abbiamo di noi stessi. Mantenere in equilibrio il chakra del plesso solare è, quindi, fondamentale per la nostra salute psico-fisica e, più nello specifico, per la nostra autorealizzazione.

La sua posizione è centrale rispetto al nostro corpo proprio per poter irradiare energia e luce a tutto l’organismo; per questo motivo lo yoga gli attribuisce molta importanza e numerosi esercizi, di conseguenza, s’incentrano sulla respirazione a livello del plesso solare (respirazione diaframmatica) affinché, inviando calore a tutto il corpo, si possa raggiungere un profondo stato di concentrazione.
Associato con l’elemento fuoco (fonte di calore), rappresentato da un triangolo equilatero posto all’interno del fiore di loto, il plesso solare costituisce il punto di collegamento tra i chakra inferiori e quelli superiori. E’ qui che vengono armonizzati i desideri materiali (chakra inferiori) con i desideri spirituali (chakra superiori) consentendo così, attraverso l’equilibrio tra spirito e materia, di edificare una personalità completa ed armoniosa.

Le caratteristiche del chakra del plesso solare

In quanto sede della nostra personalità il chakra del plesso solare è strettamente legato alla nostra autostima e alla fiducia che riponiamo in noi stessi e, quindi, indirettamente, anche al nostro rapporto con gli altri: è il centro non solo del nostro benessere individuale ma, anche, collettivo. Il modo in cui poniamo la nostra personalità nel mondo ha origine qui. Grazie all’energia del terzo chakra sviluppiamo i mezzi e le capacità per controllare e indirizzare sia le risorse esterne che interne: esso ci consente di assimilare e metabolizzare le esperienze, di utilizzare positivamente la nostra energia personale e di controllare la nostra emotività infondendoci la giusta sicurezza e autostima per aggiungere i nostri obbiettivi.

La zona del plesso solare è, infatti, deputata alla metabolizzazione non solo del cibo e dell’energia ma, anche, degli stimoli esterni, delle esperienze e delle emozioni.

Come mantenere in equilibrio il chakra del plesso solare

Se il terzo chakra non è in equilibrio, la visione di noi stessi e, più in generale, della nostra vita risulta fortemente compromessa. Poiché è la sede della nostra personalità e delle ambizioni dell’Io, una sua disfunzione può portare a un’imposizione esasperata del proprio Ego, con pretese di dominio e ossessioni legate al possesso e al proprio status sociale o, al contrario, a una visione della vita deludente e a una percezione di sé stessi come inadeguati e non meritevoli. A lungo andare le conseguenze di un tale disequilibrio possono ripercuotersi anche a livello fisico sugli organi interni associati alla regione del plesso solare, in particolare stomaco, fegato e pancreas.

E’, dunque, importante mantenere aperto e bilanciato il terzo chakra cercando di migliorare la visione che abbiamo di noi stessi sia dal punto di vista estetico (curando il nostro aspetto e il nostro benessere) che emotivo (ad esempio prefissandoci degli obbiettivi che siano in sintonia con i nostri desideri e i nostri talenti). Quando il terzo chakra è in equilibrio, ci sentiamo liberi di essere noi stessi e siamo consapevoli e soddisfatti di ciò che siamo e del posto che occupiamo nel mondo sperimentando una vita emotiva profonda e appagante. Il suo buon funzionamento si riflette quindi in una personalità armoniosa ed equilibrata che si rispecchia anche all’esterno, nei rapporti interpersonali: l’accettazione di sé stessi è, infatti, la premessa indispensabile per l’accettazione degli altri.

Esercizi del plesso solare

Esistono diverse tecniche per riequilibrare i chakra affinché l’energia possa fluire consentendoci, così, di armonizzare la mente, il corpo e lo spirito per vivere la nostra vita al massimo delle sue potenzialità: la meditazione, la cristalloterapia, la cromoterapia, l’uso di oli essenziali e alcuni esercizi specifici sono alcune delle pratiche più importanti per tornare a uno stato di equilibrio. Ma vediamo nello specifico alcune tecniche per riequilibrare il chakra del plesso solare.

Cristalloterapia. Il riequilibrio energetico con i cristalli lavora sui nostri centri energetici, i chakra appunto, impiegando pietre e cristalli collegati alla frequenza cromatica del chakra che si andrà a trattare. Le pietre associate al terzo chakra sono il quarzo citrino, l’occhio di tigre e l’ambra.

L’occhio di Tigre aumenta la chiarezza esterna ed interna aiutandoci a riconoscere i nostri errori e spingendoci ad agire nel modo corretto. Il quarzo Citrino ci aiuta, invece, a prendere coscienza del significato profondo delle nostre esperienze; inoltre favorisce il benessere materiale e spirituale attivando il nostro potenziale per raggiungere gli obiettivi che ci stanno a cuore ed è utile per curare i disturbi digestivi facilitando l’eliminazione delle sostanze tossiche. L’ambra dona fiducia e ci guida verso una serenità a livello profondo accompagnandoci nella realizzazione del nostro autentico Sé nel mondo.

Ecco come potete intervenire per riequilibrare il vostro chakra del plesso solare con queste pietre: scegliete la pietra verso cui vi sentite maggiormente attratti, quella che risuona energeticamente con il vostro spirito e posizionatela direttamente sulla zona del terzo chakra in modo da equilibrare carenze o eccessi energetici. Potete, anche, effettuare dei movimenti circolari sulla zona di riferimento ricordandovi, prima di iniziare, di aprirvi all’energia e alla luce Divina immaginandola entrare dalla sommità del vostro capo, percependone tutta l’intensità nel vostro corpo, fluire nel vostro braccio, nella mano dominante, scorrere nelle vostre dita fino a raggiungere la pietra di cui intensificherà il potere di guarigione.

Oli Essenziali. Trattare i chakra con gli oli essenziali significa lavorare a livello profondo nel riequilibrare corpo e mente. Gli oli essenziali associati al chakra del plesso solare sono quello di lavanda, di ginepro e di bergamotto.

La lavanda è utile per calmare e rilassare un terzo chakra iperattivo, le sue vibrazioni calde e delicate aiutano, infatti, a sciogliere le emozioni bloccate. Il ginepro aiuta, invece, a rimuovere tutto ciò che non è utile alla nostra evoluzione e al nostro benessere psicofisico: persone, relazioni, pensieri e fardelli del passato la cui persistenza nella nostra vita blocca il flusso naturale della nostra energia nonché la possibilità di accogliere esperienze edificanti per il nostro cammino evolutivo. E’ collegato agli Arcangeli Metatron e Michele. La fragranza fresca e simile al limone del bergamotto rafforza le nostre energie vitali donandoci un senso di fiducia e di sicurezza.

Scegliete l’olio essenziale attraverso il senso dell’olfatto, chiudete gli occhi e lasciatevi trasportare dalle sensazioni che vi procura. Potete poi versarne 2-3 gocce su un fazzoletto pulito e annusarlo più volte durante la giornata oppure potete scegliere di applicarne 1 goccia sulla zona del terzo chakra ed eseguire un leggero massaggio con i polpastrelli della mano.

Mantra. I mantra sono strumenti potentissimi per riequilibrare i nostri chakra: ogni mantra è caratterizzato, infatti, da un proprio codice vibrazionale specifico che può entrare in risonanza con la vibrazione di un determinato chakra, riportandolo in equilibrio. Il mantra del chakra del plesso solare è: RAM. Pronunciare la parola RAM ripetutamente consente di entrare in connessione con le sue vibrazioni che hanno effetti benefici su di noi purificando l’energia del terzo chakra.

Cromoterapia: Dal momento che ad ogni chakra corrisponde una tonalità cromatica precisa, l’impiego dei colori è particolarmente importante per riportare in equilibrio i nostri centri energetici. Nel caso del chakra del plesso solare, il cui colore come abbiamo già visto è il giallo dorato, il giallo ne attiva e rivitalizza il funzionamento agevolando le relazioni con gli altri, distendendo il sistema nervoso, donando un piacevole senso di rilassamento che si manifesta con gioia e serenità interiore. Il colore giallo aiuta, inoltre, ad essere reattivi nei confronti della vita e facilita l’assimilazione sia sul piano materiale che spirituale.

Invocazione degli Arcangeli. Per purificare e riequilibrare i nostri chakra si può, anche, invocare l’aiuto degli angeli. Gli Arcangeli preposti all’armonizzazione del chakra del plesso solare sono Raguel e Metatron. L’Arcangelo Raguel riporta armonia sia dentro di noi che nelle relazioni caratterizzate da forti tensioni da cui si originano emozioni disarmoniche che causano i blocchi energetici del terzo chakra. L’Arcangelo Metatron ci aiuta, invece, a lasciare andare la paura rispetto al nostro potere spirituale e ci guida nella consapevolezza e nella realizzazione del nostro essere spirituale.

Summary
Chakra del Plesso Solare
Article Name
Chakra del Plesso Solare
Description
Il Chakra del Plesso Solare è il nostro centro di energia
Author
Publisher Name
Emanuela Giulietti Body and Soul Coach
Publisher Logo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

EMANUELA GIULIETTI - Invocazioni Angeliche.

Invoca gli Arcangeli per ritrovare la pace del cuore.

Disponibile in formato Kindle o copertina flessibile.
ACQUISTA SU AMAZON
close-link
//]]>