La filosofia del benessere (ayurveda) e massaggio ayurvedico | Emanuela Giulietti
angeli custodi e simboli di luce
GLI ANGELI CUSTODI E I SIMBOLI DI LUCE
19 aprile 2017
fiori di bach
I BENEFICI DEL MASSAGGIO CON GLI OLI ESSENZIALI E CON I FIORI DI BACH
16 maggio 2017

LA FILOSOFIA DEL BENESSERE: AYURVEDA E MASSAGGIO AYURVEDICO

massaggio californiano emozionale

Conoscenza della vita: è questo il significato della parola ayurveda. L’uomo è da essa considerato in modo olistica ovvero totale e che abbraccia tutta la sua essenza. L’ayurveda è un vero e proprio stile di vita comprendente il comportamento e le pratiche di meditazione volte ad elevare lo spirito, la medicina e la dieta a base di alimenti che armonizzino il corpo. Le origini teorico-pratiche dell’ayurveda sono nei Veda, antichissime fonti scritte: alcune pratiche riportate in questi testi sembrano addirittura risalire al 8000 a.C.

I Veda appartengono al patrimonio culturale degli Arya, popolo di tribù barbare seminomadi, che invasero l’India nel secondo millennio a.C. Dagli studi glottologici, ovvero della linguistica storica, sono emersi collegamenti tra sanscrito, greco, latino e germanico che lasciano spazio all’ipotesi di una matrice linguistica comune, quella indoeuropea. Mentre alcuni studiosi indiani sostengono che gli Arya fossero autoctoni tanto da non esserci state invasioni, altri indicano diverse zone di origine. Il più antico dei quattro testi, quello considerato il nucleo centrale, il Rig Veda, è contenuto un riferimento a tre grandi divinità, Indra, Agni e Soma, corrispondenti ai tre umori biologici dell’Ayurveda, Vata, Pitta e Kapha. Nell’Atharva Veda, invece, il principale e il più recente dei quattro, sono contenuti riferimenti a fattori anatomici, trapianti d’organi, fattori fisiologici, trattamenti di malattie e altri argomenti dell’Ayurveda trattati in maniera incredibilmente dettagliata per l’epoca, considerando che non esistevano strumenti diagnostici precisi come quelli moderni. L’Atharva Veda è il testo che tratta principalmente la filosofia ayurvedica. Tra le pratiche più note dell’ayurveda c’è senza dubbio il massaggio. Questo aiuta a mantenere in equilibrio i tre umori biologici o Dhosa, Vata, Pitta e Kapha, ognuno dei quali governa determinati organi e sistemi corporei. Il massaggio inoltre contrasta l’invecchiamento, restituisce tonicità alla pelle e scioglie le articolazioni.Fondamentale per un buon massaggio l’energia vitale, prana. I movimenti energici stimolano il tono muscolare e purificano il corpo dalle tossine.Il massaggio ayurvedico agisce profondamente sul corpo influenzandone tutti i sistemi, immunitario, circolatorio, linfatico, muscolare, nervoso, respiratorio, digerente e scheletrico  mentre a livello mentale promuove il rilassamento, favorendo così l’emergere di stati emotivi legati ai Chakra. Un operatore ayurvedico esperto è in grado di adattare e personalizzare il Massaggio Ayurvedico in base alle diverse costituzioni corporee.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

//]]>